4* Ricetta DELL’AVVENTO πŸŽ„ Farfalle e ravioliΒ 

Oggi preparo la pasta con la semola e farina OO, i ravioli classici  ( ricotta e spinaci )e le farfalle!

  

Come ogni anno, preparo in anticipo i ravioli che metterΓ² nel congelatore per usarli nei giorni festivi. Quest’anno ho fatto anche le farfalle, piacciono molto a mia figlia con il salmone!

  

Preparate il ripieno dei ravioli 

πŸ’š 100 g. di spinaci cotti ( privati dell’acqua di cottura)

πŸ’š 250 g. di ricotta asciutta ( mista o di mucca)

πŸ’š. 50 g. di Parmigiano grattugiato

πŸ’š. Noce moscata,sale e pepe

πŸ’š 1 uovo (io non lo metto)

  

Preparate la pasta con 300 g. di semola rimacinata e 200 g. di farina OO, mettete 🐣🐣🐣 3 UOVA intere e aggiungete l’acqua fino ad ottenere un composto morbido e compatto. Ora usate nonna papera ( la macchinetta) per fare delle strisce di pasta. Mettete l’impasto preparato in precedenza sopra le “strisce” di pasta e aiutandovi con uno stampino rotondo oppure una rotellina formate, i ravioli!

  

Quando avrete terminato tutto l’impasto dei ravioli, con le altre strisce di pasta….

  

tagliate con lo stesso stampino dei ravioli, tanti cerchietti di pasta e formate le farfalle aiutandovi con il pollice e l’indice per dare la forma. 

  

 Mettete ora i ravioli nel congelatore ( stesi su un vassoio di carta ) e dopo circa 2/3 ore, quando si saranno congelati e non si attaccheranno piΓΊ gli uni con gli altri, in un sacchetto per alimenti per essere conservati in freezer e consumati nei giorni di festa. πŸ’š Ricordatevi che al momento di usarli, dovrete “buttarli” congelati nell’acqua bollente e lasciati cuocere piΓΊ a lungo πŸ’š

  

Le farfalle dopo averle congelate  stese, mettetele anch’esse in un sacchetto per alimenti e poi dentro un contenitore ( io uso quello dei gelati ) per far si che non si rompano in freezer.

  

Buon…. lavoro!

πŸ’šπŸ’šπŸ’šπŸ’šπŸ’šπŸ’šπŸ’šπŸ’šπŸ’šπŸ’šπŸ’šπŸ’šπŸ’šπŸ’šπŸ’šπŸ’šπŸ’šπŸ’šπŸ’šπŸ’šπŸ’šπŸ’šπŸ’šπŸ’šπŸ’šπŸ’šπŸ’šπŸ’š   

Cinzia

πŸ’šπŸ’šπŸ’šπŸ’šπŸ’šπŸ’šπŸ’šπŸ’šπŸ’šπŸ’šπŸ’šπŸ’šπŸ’šπŸ’šπŸ’šπŸ’šπŸ’šπŸ’šπŸ’šπŸ’šπŸ’šπŸ’šπŸ’šπŸ’šπŸ’šπŸ’šπŸ’šπŸ’š