Spezzatino di Vitello di Mare alla Trapanese con variazioni 🎼 Romagnole

  
Nella nostra alimentazione il pesce gode di un particolare favore dovuto alle sue proprietà indiscusse di prevenire le malattie cardiovascolari, a dimostrazione di come l’alimentazione possa risultare determinante sullo stato di salute della persona.

                                 UNA CARICA DI ……..

                     Proteine nobili, vitamine e sali minerali! 

Il pesce contiene in media il 15% di proteine (eliminata la pelle e le spine), lo 0,3-8% di grassi e pochi carboidrati. Il resto è rappresentato, oltre che dall’acqua, da vitamine (soprattutto D E in minor quantità B, A  e E)E sali minerali, in particolare fosforo e iodio.

Ma è soprattutto la qualità delle sue componenti a fare del pesce un alimento prezioso: le sue proteine sono definite di elevato valore biologico. Le proteine del pesce infatti sono costituite da amminoacidi essenziali,  cioè principi nutritivi che l’organismo deve assumere con gli alimenti non essendo in grado di produrli da se. (Corso Cucina Sana )

Si raccomanda quindi di consumare il pesce due-tre volte alla settimana ponendo attenzione tuttavia al metodo di cottura che si utilizza. Oggi il pesce surgelato è un’ottima alternativa al prodotto fresco, e spesso più reperibile e igienicamente più sicuro. Esso, inoltre, dal punto di vista nutrizionale mantiene inalterate tutte le sue componenti, includere regolarmente il pesce nel menu settimanale significa beneficiare di tutti gli effetti positivi legati a questo alimento.

  

Lo  smeriglio, o Palombo o…. ( della famiglia degli squali)  conosciuto anche come “vitello di mare”, é il pesce che prepareró oggi, buono, velocissimo da fare e poco calorico 😃 WOW!! Ne ho comperato una bella fetta in pescheria (nei freschi giornalieri), senza spine, ha solo una “spina” centrale.

  
INGREDIENTI per 3/4 persone

💙. 500 g. di Vitello di Mare

💙. 2/3 acciughe sott’olio ( oppure sotto sale)

💚. 15/20 capperi

💚. 15/20 olive nere 20/25 olive bianche

💚. 300/350 g. di polpa di pomodoro

💚. Sale aromatizzato, pepe, basilico, olio evo e prezzemolo ( io ho messo la maggiorana)

💚 2/3 spicchi di aglio e 2/3 scalogni

💚 mezzo bicchiere di vino bianco


  

– lavate ed asciugate bene il vitello di mare, eliminate la pelle esterna e l'”osso” centrale.

  
– tagliate a pezzetti il pesce e infarinatelo leggermente da tutte le parti. (Io mi sono aiutata con un setaccio)

  
-In una padella antiaderente mettete gli scalogni e l’aglio affettati sottilmente e dopo averli fatti appassire  con del brodo vegetale o di pesce, aggiungete le acciughe sminuzzate, (un peperoncino piccante sott’olio – facoltativo )le olive verdi  e nere, i capperi e la passata di pomodoro. Fate cuocere per circa 5 minuti e se necessario, aggiungete qualche cucchiaio di brodo.

  
-aiutandovi con il mestolo ( non di legno😉 cucina sana) allargate il sugo spingendolo verso l’esterno della padella, aggiungete due cucchiai di olio evo aromatizzato all’aglio e mettete  ( nel “buco”)i bocconcini di vitello di mare  infarinati.

  
– cuocete a fuoco medio per qualche minuto poi girateli e dopo 2/3 minuti, quando saranno quasi cotti, sfumate con mezzo bicchiere di vino bianco. Mettete un mestolo di brodo e fate cuocere 8/10 minuti.
  
– servite caldo con fettine di pane alle olive e… peperoncino piccante!!

  
Buon Appetito

  
️Cinzia

💙 potete visitare la mia pagina facebook http://www.facebook.com/unaromagnolaincucina 

Annunci

Torta e tortini di pasta fillo con carciofi e piselli 🍀🍀🍀🍀🍀🍀🍀🍀🍀🍀🍀🍀🍀🍀🍀🍀🍀🍀🍀🍀🍀🍀🍀🍀🍀🍀🍀🍀

  
La pasta fillo, o phyllo, dal greco con il significato di “foglia”, è una varietà di pasta sfoglia preparata in sottilissimi fogli separati. La tecnica artigianale è quanto mai scenografica.
È caratterizzata da tempi di cottura ridottissimi: si utilizza fritta o cotta in forno per preparare i più variegati piatti di alta cucina anche come involucro di svariati involtini in varie cucine del mondo. Per la sua estrema versatilità ha trovato innovativo e svariato impiego anche nella cucina italiana.
È prodotta senza  aggiunta di grassi a differenza delle comuni paste sfoglie. (Fonte web). Oggi ho usato una pasta phyllo “fresca”, non congelata perché é molto piú semplice da maneggiare 😉 ed é anche più buona.

  
INGREDIENTI per 1 torta e 2 tortini

💚. 4 rettangoli di pasta fillo ( circa 160 g.)

💚. 400 g. di carciofi surgelati

💚 200 g. di piselli 

💚. 6/7 capperi sotto sale

💚. Prezzemolo, aglio, sale aromatizzato (salvia,rosmarino,tomo ecc ..) e olio evo.

💛 2 carote e una patata lessata, brodo vegetale, un cucchiaino di CURCUMA, pepe rosa e 2/3 cucchiai di pesto.

  

 – metti i carciofi in una padella di pietra con aglio e prezzemolo tritati, aggiungi i capperi tritati, il sale aromatizzato e il brodo vegetale, fai appassire e continua a cucinare per 10 minuti, aggiungi i piselli e dell’altro brodo se necessario perché devono rimanere asciutti a cottura ultimata,  aggiungi un cucchiaio di olio evo. 

– frulla le carote con la patata, la CURCUMA, il sale, il pepe e uno o due cucchiai di brodo formando una crema.

  
–  Stendi un foglio di pasta fillo sul piano di lavoro e spennellalo con un poco di burro fuso. Quindi sistemalo sul fondo di uno stampo rotondo, foderato con della carta da forno imburrata, facendolo sbordare verso l’esterno. Spennella un altro foglio di pasta fillo, appoggialo sopra il precedente e continua nello stesso modo con gli altri due fogli. Al posto del burro puoi usare una miscela di olio e acqua.(cucina sana)

  
– Distribuisci i carciofi con i piselli, qualche cucchiaio di crema di carote e il pesto poi ripiega la pasta fillo verso l’interno.

  

  
– Copri lo stampo con dell’alluminio da cucina e ponilo in forno a 220 gradi per circa 20 minuti. La stessa operazione la fai per i due cestini con il quarto foglio ma fai solo due fogli. ( io li metto uno opposto all’altro, formo una croce)

   
 N.b. : i cestini vanno messe in forno 6/7 minuti + 3/4 minuti senza alluminio

  

  

– togli l’alluminio e continua la cottura per cinque minuti in modo da far dorare la pasta.  

  
– servi le torte calde! 

  Buon Appetito 😋

  
💚

Se questa ricetta vi é piaciuta, oppure avete delle domande, potete cliccare il vostro 👍 mi piace oppure scrivermi per avere spiegazioni 😃, si accettano anche critiche e consigli 😉    ️Cinzia

 

Peperoni Primavera ripieni ai fusilli 💚 di piselli 

  
Un primo piatto decisamente vegetariano/vegan0  che fa innamorare tutti i palati al primo assaggio! Da quando mia figlia ha deciso di eliminare per un certo periodo la carne, sto cercando alternative che possono contenere tutti i sali minerali, le proteine ecc… che la sostituiscano. Ho scoperto questa pasta bio di piselli veramente buona, anzi… di più, provare per credere! 👍

  
Ingredienti per 4 peperoni grandi ( mi é rimasta della pasta, quindi potete metterne anche meno 0ppure….mangiarne a parte 😜)inoltre un mezzo peperone rosso per il “RAGU” di verdure.

  

 

– Lava i peperoni e taglia la calotta superiore, togli i semi e i filamenti bianchi (sono amari)

-stufa i porri con la zucchina tagliata a cubetti piccoli, aggiungi lo scalogno e mezzo peperone rosso tagliato a cubettini.

  
-taglia le due patate a cubetti piccoli e cuocile assieme ai fusilli per 4/5 minuti assieme ai gambi rimasti dello scalogno.

  
-versa la pasta pre-cotta nella padella con le verdure aggiungendo se serve un mestolino di acqua di cottura. (Elimina i porri)

  
-tosta i pinoli, metti il sale rosa aromatizzato, il pepe rosa, i capperi e appena pronti, i pinoli. 

  

– metti l’olio evo aromatizzato all’aglio e ora riempi i peperoni.

  

  
– prendi una teglia da forno, ungi il fondo e metti i peperoni ripieni, il pangrattato e un filo di olio evo, copri con carta alluminio per permettere una cottura uniforme. In un’altra teglia metti i “coperchi” salati, pepati e unti leggermente con una spennellata di olio evo, coperti anch’essi con la carta di alluminio.

  
-inforni a 200 gradi per 4o minuti, poi togli  i coperchi (dal forno) e la carta da forno dai peperoni e lasci cuocere fino a cottura completa aggiungendo dell’acqua calda miscelata con olio sul fondo, circa 20 minuti ancora, naturalmente dipende sempre dal forno.

  
Questa è una versione leggera, ma se volete farli più saporiti, aggiungete del parmigiano e del formaggio (scamorza o mozzarella da taglio)a cubetti dentro l’impasto.

  
Buon Appetito ❤️

️Cinzia

…..  E ricordatevi che in cucina é tutto ammesso!! 😜😜😜😜😜

Se vi é piaciuta questa mia ricetta…aspetto un …..” segno” 👍 ahahahah

Ventaglio di melanzana,pomodori e peperoni al formaggio Cheddar e peperoni ai capperi al cartoccio 🍆🍅

 
  
Le mie melanzane al ventaglio sono scenografiche e molto semplici da preparare. Quando preparo questo piatto molto gustoso per i miei amici, faccio anche i peperoni con i capperi che piacciono molto anche a mia figlia. Preferisco la cottura al cartoccio perché rimane molto leggera e gustosa. Oggi ho scelto una farcitira con formaggio Cheddar, pomodori e peperoni gialli ma potete mettere anche altri tipi di formaggi come Asiago  oppure scamorza dolce o provolone dolce. 😃

  
INGREDIENTI per 1 cartoccio com melanzana e 1 cartoccio con peperoni

🍆  1 MELANZANA lunga ( grandezza media)

🍅. 2/3 POMODORI

💛. 3 PEPERONI GIALLI

💚. 200 g. di formaggio  Cheddar

🍀. Olio evo q.b. ( per spennellare la melanzana con l’origano e sale aromatizzato) e per aggiungerlo al cartoccio

🍀. Aglio liofilizzato, origano, sale aromatizzato, pepe rosa, 15/20 capperi, pane GRATTUGGIATO e grana/parmigiano GRATTUGGIATO.

CONSIGLIO : procuratevi una bottiglietta che abbia l’imboccatura grossa con il tappo oliatore e riempitela di olio; aggiungete due o tre spicchi di aglio tagliato a metà  (senza buccia 😜😜) e se volete 2/3 grani di pepe. Lasciatelo in infusione per una settimana, poi usate quello per condire tutti i cibi che richiedono la presenza di olio e aglio; avrà un sapore più delicato e le vostre mani non sapranno di aglio!

  

Per prima cosa, metto a cuocere nella pentola a pressione i peperoni ( tagliati e puliti ) per 6/7 minuti, non devono essere completamente cotti poi, dopo aver tolto i peperoni, aggiungo i pomodori ( faccio una croce con il coltello sopra) per poi togliere la buccia.

Lavo la melanzana e la taglio a fette nel senza della lunghezza lasciando il picciolo per far si che resti unita. Metto in una ciotola l’olio evo, l’origano e il sale aromatizzato ( cucina sana: timo,maggiorana,rosmarino,salvia ecc..) e con un pennello da cucina, ungo tutti i petali( le fette 😃) interni ed esterni. 

  

  

Preparo i cortocci con la carta di alluminio e la carta forno ( nella parte dove  appoggio la melanzana o i peperoni, metto la carta forno per non metterli a contatto dell’alluminio). In un cartoccio, incomincio mettendo i peperoni sdraiati, poi i pomodori tagliati a fettine, i capperi, 3/4 cucchiai di parmigiano, il sale, un giro di olio  aromatizzato e il pane GRATTUGGIATO, chiudete il cartoccio lasciando una leggera apertura in un lato (circa 2 cm.). Nell’altro cartoccio, apro bene la melanzana a ventaglio e dispongo tra le fette il pomodoro a fettine, una fettina di peperone e il formaggio tagliato a fette, spolverizzo con origano, sale ,olio e parmigiano GRATTUGGIATO. Inforno a forno caldo per 30/35 minuti. ( dipende sempre dal forno)

  
Ora apro i cartocci, aggiungo del pane GRATTUGGIATO e rimetto in forno per 5/6 minuti, poi spengo il forno e lascio gratinare solo con il grill qualche minuto.

  
Ricordatevi che la cottura, dipende molto dal forno, se vedete che le vostre verdure sono troppo acquose, aggiungete del parmigiano e pangrattato oppure se sono troppo asciutte, dell’olio miscelato con acqua, origano e sale.

  
Servite caldo!

  
Buon Appetito

️Cinzia 

Se vi fa piacere visitare la mia pagina facebook e rimanere aggiornati, cliccate mi piace qui: http://www.facebook.com/unaromagnolaincucina 

Gemella con un maschio 👫 e …?blogger

  
Mia madre capì che aveva i “gemelli” sono dopo avermi partorita perché aveva ancora la pancia! 😳😳  si, avete letto bene, in quegli anni, non esisteva ancora l’ecografia e dai controlli fatti, tutti i medici dicevano: signora, non si preoccupi, é solo uno e pure piccolo! 😃 ha  solo tanta acqua! Inoltre i cuori dei gemelli, battono all’unisono, quindi, dovevo esserci solo io quel lontano mese di settembre! Mamma e papà decisero di non andare in ospedale, presero  un’ostetrica che aiutasse nel parto mamma ma… le “cose” non quadravano bene..l’ostetrica capì subito che ci voleva un medico che arrivò volando in bicicletta perché abitando al mare, ancora le strade erano piene di turisti e avrebbe avuto difficoltà ad arrivare in macchina. Io venni ” abbandonata ” in un lettino avvolta nel cotone, che fungeva da incubatrice e tutte le attenzioni vennero rivolte al mio gemello che nacque poco dopo e venne messo anche lui vicino a me, nella ☁️ “bambagia”☁️☁️☁️. Anni dopo, il medico che fece nascere il mio gemellino, vedendolo gli disse : quando ti vedo, mi prudono ancora le mani! Sicuramente, ha salvato la vita a mio fratello e… cambiato la mia.

Avere un gemello é come avere una persona al tuo fianco che ti capisce, ti ascolta, ti vuole bene,ti difende,ti aiuta e crede in te ma soprattutto c’é sempre! 

 Qualche anno fa, mi chiesero di scrivere un articolo in un blog di gemelli per spiegare cosa vuol dire essere gemelli. ( questo é il mio pensiero) lo pubblico qui :

 
    Io voglio bene anche agli altri miei fratelli, ma non é uguale.
  
Il mio babbo, come si dice da noi in Romagna, non c’é più, ma anche se gli abbiamo “complicato” (in senso buono, per non dire stravolto) la vita, ci ha amato e coccolato sempre. Ci ripeteva che lui era come Cornelia, la madre dei Gracchi che quando gli chiedevano cosa avesse di prezioso, lei rispondeva :  i miei tesori sono i miei due figli!

  
Vivo ormai da tanti anni lontana dalla mia romagna, che porto nel cuore, come i meravigliosi tramonti sul mare. Ho aperto questo blog per rimanere legata alla mia terra e alle mie radici. Quando li preparo, vedo mamma e papà che ridono insieme, vedo il grande tavolo apparecchiato e le tagliatelle sulla tavola di legno nel cucinino che aspettano solo di essere tuffate nel ragù! Rivedo il mio gemellino che mi mette nel piatto, senza farsi accorgere da mamma, parte delle sue tagliatelle….. rivedo le piadine che cuociono sul “testo”….rivedo mamma che prepara i Passatelli e “spela” il pollo con l’acqua calda….rivedo la gioia, l’amore della mia famiglia Romagnola. 

  

Nel blog ho messo anche tante altre ricette non romagnole e altre inventate da me. Ho pubblicato anche ricette della CUCINA SANA  essendo una COOKING LEADER e altre ne pubblicherò ancora. In ogni regione, in ogni nazione ci sono ricette buone, e poi… ci sono quelle… le ricette dei ricordi , che sono e saranno sempre le più più più più buone!!!!

Grazie a tutti voi che mi seguite, grazie di esserci!

️Cinzia 

Ps: scusatemi per gli errori nello scrivere, so che sono tanti….. ma come spesso dico…. Se fatto con il cuore, giusto o sbagliato, non é mai un errore!💙

Torta e tortine di ricotta soffici e profumate di arancia e cioccolato 🍊

  

  
  Soffici, profumate e buone, 😉 ottime a colazione e a merenda. Non hanno né burro né olio e sono semplici da preparare. Si mantengono morbidi a lungo se conservati in una campana di vetro.
  
– Setacciate la ricotta (io l’ho fatto due volte)

– Aggiungete lo zucchero alla ricotta e formate una bella crema morbida e liscia ( con una frusta oppure con una spatola )

    
  

– separare i tuorli dagli albumi 🐣🐣🐣🐣 ed aggiungere i tuorli

– grattugiare la scorza di un arancio bio e spremere il succo che aggiungerete al composto

-incorporate la farina e il lievito setacciati, la Spumadoro oppure un liquore all’arancio

 
    

– aggiungete ora gli albumi montati a neve e incorporateli delicatamente con movimenti rotatori dall’alto verso il basso.

– se vedete che il composto ottenuto é troppo “duro”, aggiungete del latte tiepido. ( io l’ho messo)

  – imburrate oppure oliate ed infarinate gli stampi che più vi piacciono. Io ho usato degli stampini pasquali e una tortiera alta a ciambella.

 
  – infornate a forno statico a 180 gradi per :  gli stampini 30 minuti  e la tortiera 45 minuti ( dipende dal forno ) fate sempre la prova stuzzicadenti 😉! 

  Ho tolto gli stampini  dal forno dopo circa mezz’ora, sopra sono chiari ma come li capovolgo….  
  …. questo é il risultato. Mettete dello zucchero a velo e prima di mangiarli….del 🍫 cioccolato GRATTUGGIATO sopra😋, io non sono riuscita, sono spariti subito dopo aver fatto la foto!! 😜😜😜

  
Diventa sempre più difficile fare foto in casa mia! 😳😳 Ora potete decorare e “ insaporire “ 😉 la ciambellona ! Aiutandomi con un pennello da cucina, l’ho spennellata con la marmellata di arance  prima di metterci una stecca di cioccolata alle nocciole GRATTUGGIATA, le arance candite, il cocco e lo zucchero a velo, tanto per non avere dei cali di….zucchero!! ahahahah 😜😜😜😜😜

  
Buon Appetito! 💛💛💛💛

  
  ️Cinzia 

Vi aspetto su Instagram 😃😃  
 
 

Fiori di pane al formaggio Inglese e Padano 

  
Ho sempre amato la crescia  e la torta al formaggio marchigiana, una delizia che si mangia la mattina di Pasqua  con l’uovo benedetto ( una tradizione romagnola/marchigiana quella dell’uovo benedetto,  si porta in Chiesa in un cestino con le uova decorate e si benedice con l’acqua Santa) e oggi preparo i panini con il grana Padano e il Cheddar, un formaggio Inglese a pasta dura che posso grattugiare. A me é piaciuto molto e anche ai miei famigliari. 😃

️Ringrazio Franca per avermi insegnato a dare questa forma al pane.  

 INGREDIENTI per circa 32 panini ( 30g. cad. )

🌹. 500 g. di FARINA così suddivisa :

Potete usare anche tutta farina Manitoba

        200 g. di farina 1

        100  g. di farina integrale 
        200 g. di farina Manitoba 

Potete mettere la farina che più vi piace, anche di semola o di farro/Kamut

🌹  250  ml.  di acqua tiepida

🌹. 5/6 cucchiai di olio evo ( 1 cucchiaio per spennellare)

🌹.  50 g. di Grana GRATTUGGIATA

🌹.  50 g. di Mature CHEDDAR Inglese

🌹. 1 cubetto di lievito di birra ( oppure 1 bustina di lievito secco)

🌹 1 cucchiaino di miele

🌹. 10 g. di sale

🌹 1 cucchiaino di ORIGANO

  

Per prima cosa ho messo le farine insieme poi ho sciolto il lievito in una tazza con dell’acqua tiepida e ho aggiunto il miele. In seguito ho aggiunto l’origano, l’olio, i formaggi grattuggiati e gradualmente l’acqua e per ultimo il sale.Ho impastato il tutto formando una palla morbida ed elastica.

  
Ora taglio 32 pezzi di pasta di circa 30g. cadauno ( li peso nella bilancia, alcuni sono 27 g. e altri 32/33 g. 😉, non devono essere perfetti!) e formo dei salamini che giro su se stessi e poi li  sforbicio con la punta delle forbici. Li lascio lievitare per circa un’ora e mezzo coperti con pellicola e li metto nel forno spento con la luce accesa.

  
Trascorso il tempo, li ho spennellati con olio evo e pepe rosa (facoltativo) e infornati a 190 gradi a forno caldo  e ventilato per circa 15 minuti. Potete mettere i semini di sesamo al posto del pepe.

  

 Sono molto croccanti e profumati, potete farcirli oppure mangiarli appena sfornati ma in ogni modo…..affrettatevi perché, finiscono subito! 😜😜😜

  Buon Appetito 🌹

  
 🌸 ️Cinzia

  
Potete seguirmi anche su INSTAGRAM oppure su

http://www.facebook.com/unaromagnolaincucina 💙💙💙💙💙

Kamut con crema di cavolo nero e TOPINAMBUR al profumo di mare 🐚🍃

    

COS’È IL KAMUT?

Il grano khorasan a marchio KAMUT® è un antenato del grano duro moderno, prodotto esclusivamente mediante agricoltura biologica. E’ ricco di proteine di alta qualità, vitamine e minerali e ha un sapore delizioso. A buona ragione è considerato uno dei cereali più completi dal punto di vista nutrizionale. Esso viene inoltre ritenuto maggiormente digeribile rispetto al grano “comune”.Inoltre l’elevata percentuale in lipidi, in particolare tutti i più importanti acidi grassi mono e polinsaturi, lo rende prezioso per la nutrizione e per il suo potere energetico.Maggiore è anche il contenuto di minerali come magnesio e zinco. 

Ciò che rende il grano a marchio KAMUT® particolarmente importante per la nutrizione umana è l’alto contenuto in selenio. Il selenio è un oligoelemento necessario per il metabolismo cellulare, la sua azione riduce la formazione di radicali liberi. Come per gli altri tipi di grano il colesterolo  è assente. Le preparazioni a base di grano khorasan KAMUT® apportano quindi complementi preziosi all’alimentazione quotidiana degli atleti, delle persone molto attive, dei bambini e degli anziani.(fonte web)

    
Oggi preparo un piatto molto fantasioso, do sfogo alla mia creatività, 😋 in famiglia é piaciuto molto, spero piaccia anche a chi mi segue. Ho comperato in un mercatino mezzo chilo di cavolo nero, l’ho lavato e privato della parte interna dura poi l’ho lessato per 7 minuti  (dal bollore) e l’ho frullato con un mixer ad immersione aggiungendo qualche cucchiaio di brodo di cottura, é venuta una bella crema che ci servirà per la ricetta. Conservate il brodo di cottura che ulizzeremo per cuocere il Kamut.

  
INGREDIENTI per 4 persone 

💚.  400/450 g. di KAMUT bio

💚.  Crema di cavolo nero  e il brodo di cottura ( conservato )

💚. 1 scalogno e 1 spicchio di aglio

💚. 30/40 g. di TOPINAMBUR (puliti e cotti nell’acqua del avolo nero)

💚. Prezzemolo tritato, capperi sotto sale tritati e privati del sale, 10/15 bacche di Goji ( per decorazione piatto) sale, pepe e olio evo (da mettere a crudo)

  Fate appassire lo scalogno tagliato sottilmente con il brodo di cavolo nero  (appassimento CUCINA SANA)ed aggiungete gradualmente il Kamut, la crema di cavolo nero e il brodo, fate cuocere al dente e aggiungete il TOPINAMBUR affettato e il prezzemolo con i capperi tritati insieme.

  

 Nel frattempo che cuoce il Kamut, preparo il pesce. Potete comperare quello che più vi piace, i gamberi, i cannelli, i canestrini,  le cozze o le vongole, io li prendo surgelati è generalmente, quando ho ospiti, metto ad ognuno, questa “sestina” che piace molto, ma potete anche aumentare le dosi oppure diminuirle.😃😃
  
Dopo aver fatto scongelare il pesce, prendete una padellina di pietra, mettete uno scalogno e uno spicchio di aglio tagliato sottilmente, aggiungete del brodo di cavolo nero per farlo appassire e poi il pesce.

 Sfumate con il vino bianco e fate cuocere 3/4 minuti, salate leggermente e aggiungete della polvere di peperoncino (facoltativo) e qualche lacrima di lime. Ora componete il piatto, iniziando dalla base, stendete un cucchiaio di crema di cavolo nero formando un letto verde, poi….

  
… aiutandovi con un coppa pasta, mettete il Kamut, le bacche di Goji e il pesce. Un giro di olio evo e il nostro piatto é servito!!

  
Buon Appetito. 💙💙💙💙💙

  

 ️Cinzia

💚💚💚💚💚 

Alici scottate nell’aceto bianco e marinate con olio, origano e scalogno 🎣 

  
  

Con il termine “marinare” si intende una preparazione che serve ad insaporire, conservare e ammorbidire pesci ma anche carni. Anticamente veniva utilizzato il sistema della salamoia: da qui “acqua marina”, quindi “marinata”. Nel tempo però la tecnica è stata affinata avvalendosi dell’aceto di vino bianco, spesso accompagnato da succo di limone che “cuoce” leggermente le carni. Il sale invece non va aggiunto quasi mai alla marinatura poiché questo fa fuoriuscire i succhi dalle carni “cuocendole”, tuttavia se la marinata necessaria dovesse superare le 48 ore allora sarebbe opportuno aggiungerlo per allungare così il periodo di conservazione dell’alimento.(fonte web)

INGREDIENTI : 500 g. di Alici fresche, origano, olio evo, aceto balsamico e aceto bianco, sale, pepe e 1 scalogno ( potete mettere anche una cipolla)  
– Lavate le alici ed eliminate le interiora

– fatele bollire per 5 minuti in aceto bianco e acqua in parti uguali ( io metto un bicchiere di aceto e uno di acqua )

– scolatele e eliminate la lisca centrale ed eventuali spinette laterali

  
– adagiatele sopra della carta da cucina per asciugarle

 Prendete ciotola di vetro ( con coperchio perché la conserverete in frigorifero ) e alternate le alici con l’origano, lo scalogno ( cipolla) tagliato a fettine sottili, l’aceto ( anche di mele se vi piace) e l’olio evo.
  
– nell’ultimo strato, aggiungete l’ olio fino a coprire il tutto, deve rimanere coperto.

 L’olio delle alici vi avanzerà inevitabilmente anche quando le avrete terminate, ma non buttatelo: sarà perfetto per condire gli spaghetti! 😃

Conservate in frigorifero per 4/5 giorni (ben coperto di olio)

  

Potete servire questo gustoso piatto come antipasto oppure come piatto unico sopra un letto di verdure crude!

  

Potete anche farcire un panino oppure mangiarle sulla  bruschetta!

  

💙💙 Buon Appetito

  
🎣🎣🎣 ️Cinzia

L’ultima cena… 😉 invernale!!

  
Mentre preparo la tavola in sala, scegliendo una tovaglia dai colori ancora invernali, il ragù di anatra e l’arrosto  al latte  stanno sobbollendo in cucina …inondando  la casa di un profumo intenso e appetitoso!  

  
Affetto i salumi, prosciutto dolce, speck e salame con tartine ai funghi e pesto fresco….

  
…. olive piccanti e pane alle olive….

     

Gli amici arrivano con la primavera in mano! La Violaciocca, il Ranuncolo e il Rosmarino, un’esplosione di colori e un profumo che affascina e avvince!! 💐
   

  

I bigoli sono degli spaghettoni di pasta fresca fatti con farina e uova e ricavati utilizzando quell’attrezzo chiamato torcio o bigolaro . Le dimensioni sono generose, tipo quelle dei pici toscani. Forse anche leggermente maggiori. Hanno la caratteristica di essere molto porosi e di trattenere bene i sughi più grassi. Nel centro non sono mai cotti, quindi gli amanti della pasta scotta avranno del filo da torcere.(fonte web)

   

 Non conoscevo questo prelibato piatto veneto. I “bigoi con il ragu’ di arna “. Ho imparato ad amarlo e ad offrirlo ai miei amici romagnoli che lo apprezzano moltissimo.

Faccio il ragu’ con carne macinata di anatra, senza pomodoro e lo trovo piu’ buono.

  
Olio e un pezzo di burro in un tegame, uno spicchio di aglio in camicia che poi tolgo. Appena rosolato metto il macinato di anatra. Me lo prepara un macellaio di fiducia pero’ si trova anche nei supermercati. Poi prendo salvia, rosmarino e li lego insieme con filo da cucina, unisco alla carne e aggiungendo del brodo di dado (andrebbe il brodo di anatra) sale, pepe e qualche chiodo di garofano.Si lascia cuocere un’oretta a fuoco basso. Nella ricetta originale i bigoli andrebbero cotti nel brodo filtrato dell’anatra ma noi adoperiamo acqua. 

  
Arrosto di vitello arrotolato con pancetta al latte 💛💛 la ricetta completa nel blog

  

Tortini di mele, le ultime mele invernali e….

  
…. per finire, maialini dolci in pasta di zucchero che “galleggiano”  in una piscina di cioccolato!! Un dolce che saluta l’inverno 😜 nel migliore dei modi. 

️Cinzia 😃

Potete vedere anche dei mini video nella mia pagina facebook

http://www.facebook.com/unaromagnolaincucina

Instagram 😃 unaromagnolaincucina