Torta salata con sorpresa

 Non sapete cosa preparare per cena? Non volete usare la solita pasta sfoglia o brisé comprata?!? Ecco allora una ricetta facile da preparare. 


Ingredienti per l’impasto

  • 250 gr di farina O
  • 50 gr di acqua
  • 40 gr di concentrato di pomodoro
  • 1 cucchiaino di sale
  • 1 uovo medio
  • 3 cucchiai di olio evo 
  • Facoltativo: mix di semi 

Preparazione impasto

Per prima cosa, armiamoci di un matterello 😉  : iniziamo impastiamo la farina con l’uovo, il concentrato di pomodoro sciolto nell’acqua, l’olio, il sale e se vi piacciono anche i semi misti  (facoltativo).


Formate un panetto , copritelo con la pellicola e lasciatelo riposare per un’ora (non in frigo). 

Nel frattempo preparate il ripieno. Lessate due patate grosse e tagliatele a pezzetti. Lessate i fagiolini e tagliateli a pezzetti , unite due cucchiai di pesto, il formaggio tagliato a pezzettini, il parmigiano grattugiato, sale. Amalgamate il tutto ( vedi foto ).


Ora stendete l’impasto  (sopra alla carta forno) aiutandovi con il matterello, formando un cerchio (non vi preoccupate se non viene molto rotondo perché aiutandovi con un coltello ritagliate i bordi che vi serviranno per decorare   il sopra  della “torta salata”)


 come si vede in foto, ritagliate a spicchi tutto il bordo (senza staccarli!!!!). 


Mettete ora il ripieno precedentemente preparato al centro e partendo dal primo bordo tagliato coprite a cerchio tutto il perimetro. 



Rimarrà’ scoperto solo il centro che decorerete con i ritagli. Potete fare delle striscioline ..roselline….ecc…


Ora accendete il forno a 180 gradi  e aspettando che si scaldi. Intanto con un pennello e dell’olio evo spennellate la torta salata. Se volete potete “spolverate” con i semi misti 😉e infornate per 40/45 minuti in forno statico.

Potete servirla sia fredda che calda!!!

Buon Appetito,

Cinzia 

Annunci

Gelato Light alla banana


Arriva il caldo e inevitabilmente la voglia di gelato…ma siamo a dieta, oppure é un lusso culinario che ci vogliamo concedere solo qualche volta o non abbiamo voglia di andare a comprarlo?! E allora la ricetta che vi propongo oggi fa al caso vostro.

La domanda di oggi é: possiamo fare in casa un gelato con solo 3 semplici ingredienti? Ma certo! 

Cosa ci serve? 

  • 2 banane 
  • 2 cucchiai di yogurt alla banana 
  • Facoltativo: un dolcificante (1-2 cucchiai di zucchero oppure miele oppure stevia) 

Procedimento

Prendere due banane, sbucciatele e tagliatele a fettine. Ora dovete congelarle. Io le congelo la sera prima ad esempio.


Mettetele congelate in un frullatore, aggiungete lo yogurt e se volete lo zucchero. Io ho messo un cucchiaino di sciroppo d’agave. 


Ora frullate finché il tutto non diventerà una crema


E il vostro gelato light é pronto! È veramente gustoso! Un peccato di gola senza rimpianti!!!

Potete mangiarlo subito oppure metterlo un altro pó in congelatore!



Buon Appetito,

Cinzia

Biscotti con avena e cioccolato British Style


Buon inizio settimana Amiche e Amici!

La ricetta di oggi nasce da una rivisitazione di una ricetta presa dal web. Avevo dello sciroppo d’acero e dei fiocchi di avena e ho pensato di fare questi biscottini.

Cominciamo…

Ingredienti


  • 150 gr di fiocchi di avena
  • 100 gr di farina 00 o per dolci
  • 70-100 gr di zucchero di canna
  • Mezza bustina di lievito per dolci
  • Olio di semi di girasole q.b.
  • Sciroppo d’acero q.b. (oppure miele) 
  • Gocce di cioccolato q.b.

Procedimento

La prima cosa da fare è tritare con un mixer o un frullatore i fiocchi di avena finché non diventeranno una farina. In una terrina mettere quindi l’avena tritata, la farina per dolci, lo zucchero di canna, il lievito, le gocce di cioccolata e mischiare. Ora cominciate piano piano ad aggiungere un po’ di olio e un po’ di sciroppo alternando. Mescola con le mani. Il composto dovrà cominciare ad amalgamarsi (dovrà avere la consistenza della pasta frolla per biscotti). Quando vedrete che riuscirete a formare delle palline per fare i biscotti allora il composto sarà pronto. Mettere le palline che avrete fatto sopra ad una teglia rivestita da carta forno e cuocere a 180° per 10 – 20 minuti (dipende dal forno). Quando li togliete dal forno saranno ancora morbidi ma poi si induriranno raffreddandosi.

Variante: potete mettere anche delle nocciole tritate, dei pistacchi tritati, delle mandorle tritate al posto del cioccolato.





Buon Appetito,

Cinzia 

Cornetti ripieni della Domenica

Buona Domenica Amiche e Amichi di Una Romagnola in Cucina!

Eccovi, a grande richiesta, la ricetta di cornetti o brioche fatti in casa.


Avete mai usato lievito madre attivo in polvere con germi di grano della ditta Ruggeri? È stato eletto prodotto dell’anno per la preparazione di parificati, così ho deciso di preparare i cornetti per la colazione e devo dire che il risultato è ottimo! Vi dó quindi subito la ricetta.

Ingredienti per 8 cornetti

  • 250 gr di farina Manitoba
  • 1 uovo
  • 30 gr di burro
  • 125 gr di latte tiepido
  • 60 gr di zucchero
  • 25 gr di lievito madre attivo in polvere oppure 1/2 panetto di lievito di birra fresco o in bustina
  • Marmellata o cioccolata qb

Con questa dose vi verranno otto cornetti. Ho usato l’impastatrice (ma voi potete farli anche a mano): nella terrina ho messo lo zucchero, il latte tiepido, il lievito (ricordo che potete usare anche il lievito di birra sua fresco che in polvere), l’uovo, il burro a temperatura ambiente e la farina Manitoba.


Impastate bene per qualche minuto e formate un panetto che lascerete gli evitare per qualche ora.


Preparato una teglia grande e ricopritela con carta forno. Trascorso il tempo di lievitazione, con un matterello stendere il panetto a cerchio (vedi foto)


e con la rotellina della pizza oppure un coltello tagliate la formando otto spicchi (vedi foto).


A questo punto prendete la marmellata una cioccolata e mettetene un cucchiaino abbondante a 2 cm dal bordo (vedi foto)


e arrotolato su se stesso formando il cornetto. Adagiatele nella teglia precedentemente preparata, spennellatele con latte e, se volete, mettete sopra dello zucchero di canna.


Ora lasciate levitare almeno per due ore, dovranno raddoppiare di volume a questo punto dopo aver riscaldato il forno a 200° per almeno una decina di minuti, infornate per 15 20 minuti (il mio forno era ventilato).


Ricordatevi che potete anche congelarli: vi basterà metterli nel forno per una decina di minuti e saranno come appena fatti ogni volta che vi andrà di gustarveli!!!

Volevo ricordarvi il mio profilo Instagram @unaromagnolaincucina : se vi fa piacere seguirmi e taggarmi se fate qualche mi ricetta

Buon Appetito,

Cinzia

Grissini homemade

Voglia di grissini? Eccovi la ricetta:

Ingredienti:
500 gr di farina Manitoba
mezzo panetto di lievito di birra fresco
320 gr di acqua circa
3-4 cucchiai di olio EVO
10 gr di sale

ps. se vi piace, potete aggiungere all’impasto spezie o erbe aromatiche (rosmarino, erba cipollina) oppure aglio o cipolla liofilizzati o dei pezzi di olive

Mettete tutti gli ingredienti in una terrina e cominciate ad impastare. Una volta che gli ingredienti saranno amalgamati, spostavi sopra un piano di lavoro infarinato e continuate ad impastare. Otterrete un panetto bello soffice, ma compatto.

1

Rimettetelo nella terrina, copritelo e lasciato lievitare al caldo finchè non avrà raddoppiato di volume.

2

Ora riprendete l’impasto, mettetelo sul piano di lavoro infarinato e cominciate a fare i vostri grissini. Pre-riscaldate il forno a 200 gradi.

Posizionateli sulla teglia ricoperta su carta forno.

3

Cuoceteli per circa 20-30 minuti. Se volete potete controllare a metà cottura e nel caso girarli. Se li volete più croccanti dovete tenerli qualche minuto di più. Ricordatevi che una volta freddi si induriranno, quindi regolatevi con la cottura. Io ad esempio li tolgo quando sotto sono belli dorati, ma sopra sono cotti ma morbidi.

Potete servirli con dei formaggi, dei salumi o delle salsine come Aperitivo!

11

Buon Appetito,

Cinzia

Peperoni fantasia vegetariani


Originario dell’America centro-settentrionale, il peperone venne introdotto in Europa nel ‘500, in seguito alla scoperta del continente americano e, insieme al pomodoro, fu il primo ortaggio rosso ad arricchire il nostro paniere dei vegetali, anche se venne impiegato inizialmente solo a scopo ornamentale. (Fonte: web)

Il peperone è un ortaggio che nella nostra famiglia usiamo spesso e ci piace molto! È abbastanza versatile e in base al colore ha un sapore diverso. 

Oggi vi propongo i peperoni ripieni di verdure, che possono essere un ottimo condimento

Ingredienti

  • 3 preperoni
  • Aglio, prezzemolo qb
  • Aceto di mele e balsamico qb
  • Zucchero 1 cucchiaio
  • Verdure miste cotte (carote, zucchine, piselli) 

Procedimento

Lavo i peperoni e ne taglio la parte sopra (e ho tolto i semi )

In una casseruola far soffriggere aglio e prezzemolo con un po’ di olio evo.Adagiare i peperoni in piedi, riempirli con altro aglio e prezzemolo tritati. Salare e pepare a piacere


Aggiungere dopo un paio di minuti 1 cucchiaio di zucchero e due cucchiai di aceto di mele. Quando evapora aggiungere l’acqua fino a metà peperone. Lasciare cuocere a fuoco basso con il coperchio per mezz’ora finché i peperoni non sono cotti.


Una volta cotti, scolateli dall’acqua e aceto in eccesso, aiutandovi con una ramina (mestolo bucato). Adagiateli delicatamente sopra un piatto e riempiteli con quello che preferite: io ho fatto un ripieno di verdure che avevo già cotto (piselli,carote e zucchine), ma potrete sbizzarrirvi, ad esempio couscous, riso, formaggio di vario tipo tagliato a pezzettini, altri peperoni tagliati a pezzettini cotti, ecc….


Servire e condire con aceto balsamico in crema

Buon Appetito,

Cinzia

Faraona al forno

13246016_1469689569723960_700270331_n

Il pollo o la faraona al forno con patate per me è il pranzo della Domenica! Ha il profumo di casa, delle risate attorno al tavolo, della lotta per l’ultima patatina, dell’indecisione tra coscia e petto…

Quello che vi servirà per fare la faraona al forno è :

  • 1 faraona già pulita e tagliata
  • spezie varie (quelle che preferite)
  • rosmarino o salvia (quelle che preferite)
  • olio evo
  • trito per soffritto

 

Procedimento

Prendete un tegame dove cuocerete poi la vostra faraona. Mettete olio q.b. e il trito per soffritto (cipolla, carota e sedano). Adagiate la faraona e conditela con le spezie che amate di più . Aggiungete ora le erbe aromatiche che vi piacciono (io uso spesso il rosmarino e la salvia ad esempio).

13250543_1469688323057418_462901772_n

Ora infornate a 180 gradi (regolatevi con il vostro forno – per la cottura di arrosti) per almeno 1 ora e mezza (controllatela di tanto in tanto). La faraona deve essere bella dorata. Se vedete che si attacca sotto, aggiungete un goccino di acqua.

13219584_1469688449724072_287371795_n

Preparate a parte le patate e la polenta (prossimamente la ricetta sul blog)

Servire sopra un piatto di patate

13223670_10209591088196941_983804266_o

Buon Appetito,

Cinzia

 

Ciambelline di farro, mandorle e limone

13231148_1468797679813149_1741197774_n

Questi dolcetti solo molto delicati e con quella leggera nota agrumata che li rende sfiziosi e freschi anche per la bella stagione!

Ingredienti

13231226_10209614764788841_52002479_n

  • 230 gr di farina di farro
  • 150 gr di zucchero di canna
  • mezza bustina di lievito per dolci
  • 40 gr di mandorle (che poi andranno tritate)
  • 1 uovo
  • 1 bicchieri di latte
  • 80 ml di olio di semi di girasole
  • la buccia grattugiata di un limone lavato e non trattato 

Procedimento

Io ho usato il mixer (ma voi potete anche usare le fruste): ho frullato l’olio, lo zucchero, le mandorle tritate, l’uovo, un goccio di latte e la buccia grattugiata del limone.

13236230_10209614763068798_1370496130_n

Quando il composto sarà bello omogeneo aggiungere (alternando) la farina setacciata e il latte. Se vedete che il composto risulta troppo denso, aggiungere un altro pò di latte.

13220034_10209614762148775_1625322621_n

Potete usare dei pirottini di carta, in silicone, degli stampi per tortini o per ciambelline. Io ho usato lo stampo per ciambelline, che ho unto con olio e una spolverizzata di farina.

Riempire i pirottini e cuocere a 180 gradi per circa 20-30 minuti (forno puo essere sia statico che ventilato).

13235862_10209614760868743_1108354062_n

Fate la prova stecchino. Una volta freddi, toglieteli dagli stampi e cospargeteli con lo zucchero a velo!

13228097_1468811609811756_92517515_n

Buon Appetito,

Cinzia

 

Pennette con salmone e panna

13224095_10209614766388881_1771375441_o

Mia figlia adora questa pasta: ha il sapore del mare (fiume in questo caso 😉) , è gustoso e leggero! Il salmone è ricco di Omega-3 che fa benissimo per la memoria e per il cuore!

Solo 3 ingredienti: panna di soia, salmone e pasta!

Ingredienti

  • 1 pezzo di salmone (potete sceglierlo sia fresco che quello in vaschetta già lessato)
  • panna di soia (o anche la panna normale se preferite)
  • trito di aglio e prezzemolo
  • olio evo q.b.
  • pasta che preferite

Procedimento

In una pentola per la pasta, mettere l’acqua e il sale e portare a bollore. Quando l’acqua è pronta buttare la pasta (io ho usato le pennette perchè secondo me sono le più buone con questo “sugo”)

In una padella mettere del trito di aglio e prezzemolo e un filo d’olio. Lasciar cuocere per circa un minuto e mettere il salmone tagliato a pezzetti: se il salmone è già cotto (come quello lessato nella vaschetta) basteranno un paio di minuti per scaldarlo; se il salmone è fresco e quindi crudo, lasciarlo cuocere per una decina di minuti a fuoco lento continuando a mescolare.

13262444_10209614769348955_1434176536_o

Quando la pasta è cotta, scolarla e buttarla nella nostra padella assieme al salmone. Mescolare bene.

13262346_10209614767388906_1824830079_o

A questo punto mettere la panna (quanta ne preferite). Io uso quella di soia che è più liquida rispetto a quella classica. Mescolare bene.

 

Servire calda!

Buon Appetito,

Cinzia

 

 

Riso Venere con zucchine e gamberetti

13224073_1467160073310243_1228685305_o

Chi mi conosce sa che la cosa che amo di più è il riso: in bianco, risotto, in insalata, con le verdure..in tutte le salse insomma! Qualche mese fa ho scoperto il Riso Venere e da quel giorno è stato amore! Lo mangio almeno due volte la settimana. E’ saporitissimo e veramente buono!

Dopo la ricetta vi lascio una nota con la sua storia e le sue proprietà.

Ingredienti per 2/3 persone

13224077_1467185486641035_780054308_o

  • Gamberetti 100 grammi (io uso quelli piccoli congelati)
  • 2 zucchine grandi
  • 200-300 grammi di riso Venere
  • sale e olio q.b.
  • trito di aglio e prezzemolo

Preparazione

Consiglio: il riso Venere richiede tempi di cottura un pò lunghi (20-30 minuti), quindi vi conviene cominciare a cuocerlo mentre preparate il condimento. Mettete sul fuoco una pentola con abbondante acqua, salate e portate a bollore. Quando l’acqua bolle, buttare il riso (non preoccupatevi se l’acqua diventerà scura, è normale)

13214567_1467181249974792_1619474272_o

Intanto in una padella larga mettere le zucchine tagliate a piccoli pezzi con aglio e prezzemolo ed un goccio d’olio. Cuocere per circa una decina di minuti (o quando le zucchine saranno cotte).

13223690_1467182953307955_280646487_o

A questo punto regolatevi voi. Quando mancano circa 5-10 minuti alla cottura del riso, buttate i gamberetti assieme alle zucchine e fate cuocere bene. Salate a vostro piacere. Quando il riso è pronto, scolatelo e buttatelo. Mescolate bene e lasciate sul fuoco un paio di minuti per insaporire bene.

13214554_1467175076642076_1748946986_o

Servire bello caldo.

13245890_1466918050001112_1135666132_n

Buon Appetito,

Cinzia

 

RISO VENERE (fonte: Internet)

Il Riso Venere è una varietà di riso integrale, brevettata da SA.PI.SE. (Sardo Piemontese Sementi), ottenuta attraverso tecniche convenzionali e non biotecnologiche. Nasce nella Pianura Padana quando un ricercatore cinese, in servizio presso il Centro Sperimentale della SA.PI.SE, servendosi di una varietà di riso asiatica messagli a disposizione dall’IRRI (Istituto Internazionale di Ricerca sul Riso, l’ente più importante per la conservazione delle varietà di riso del mondo), realizza un riso che ha le stesse proprietà e caratteristiche del Riso Nero cinese.Il Riso Nero esisteva in Cina da secoli, ma era raro e costoso, perciò solo gli Imperatori e i nobili potevano permetterselo.

Proprietà

E’ completamente naturale grazie all’elevatissimo contenuto di antociani, sostanze vegetali che danno al riso il colore nero e sono capaci di catturare i radicali liberi ed evitare l’ossidazione. Come ogni tipo di riso, anche la qualità Venere fornisce all’organismo proteine, pochi lipidi, sali minerali (calcio, ferro, zinco e selenio), vitamine (B1, B2 e niacina) e glucidi sottoforma di amido. Non contiene glutine. Abbinato con i legumi, crea una miscela proteica che ha un valore nutritivo simile a quello della carne o del pesce.